Archivi categoria: Partnerships

We would like to give you notice of the participation of Avv. Lavinia Savini at the upcoming seminar organized in Verone by ACE – Avocats Conseils d’Enterprises focused on “QUID DE L’ENTREPRISE EN 2019?”

for more information: https://www.avocats-conseils.org/fr/component/k2/item/361-6eme-seminaire-franco-italien-verone-30-31-mai-2019

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, progetti, Seminari

“Il mercato dell’arte contemporanea tra tutela e fiscalità” è il titolo del prossimo convegno al quale prenderà parte in qualità di relatrice l’avv. Lavinia Savini. L’evento, organizzato con il patrocinio del Comune di Bologna, si terrà l’11 aprile 2019 presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna.

Lascia un commento

18 marzo 2019 · 16:39

L’Avvocato Lavinia Savini è diventata responsabile, of counsel, di diritto della Proprietà Intellettuale di FPB – Studio Legale Ferrari Pedeferri Boni. L’inizio della collaborazione è stato ufficializzato con l’organizzazione dell’incontro “Design e Layout di interni, quale tutela?”, al quale ha preso parte anche la curatrice Federica Sala.

Lascia un commento

4 marzo 2019 · 12:08

Il prossimo incontro del progetto “Arte e Diritto”, ideato e realizzato con la Camera Arbitrale di Venezia, sarà su “La regolamentazione del mercato: esempi di ordinamenti esteri” e si terrà il 18 gennaio a Venezia presso la sede dell’Ateneo Veneto.

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, progetti, Seminari

Arte e Diritto a Venezia: Progetto internazionale realizzato dall’avvocato Lavinia Savini in collaborazione con la Camera Arbitrale di Venezia, con l’avvocato Fabio Moretti e il dottor Roberto Spada.

La Camera Arbitrale di Venezia organizza un ciclo di 7 incontri sul tema Arte e Diritto.

In considerazione della evidente vocazione della città di Venezia ad essere il luogo ideale ove trattare tematiche attinenti il mondo dell’arte e della cultura, questa iniziativa è nata in occasione dell’istituzione da parte della Camera Arbitrale di una sezione specializzata in arbitrati concernenti  controversie nazionali ed internazionali in materia di arte. Relatori saranno riconosciute personalità del mondo dell’arte (collezionisti, direttori di musei, imprenditori del settore, rappresentanti degli operatori del mercato dell’arte, giornalisti, e altri professionisti) e giuristi italiani e stranieri (notai, avvocati, docenti universitari), massimi esperti del settore.

I temi trattati e le date saranno:

  • Il collezionismo, 20/04/18;
  • Gli operatori del mercato, 11/05/18;
  • L’Art Restitution, 22/06/18;
  • Finanza e fiscalità nell’Arte, 21/09/18;
  • Privati, istituzioni ed imprese nell’arte 19/10/18;
  • Vincoli e soprintendenze, 23/11/18;
  • La regolamentazione del mercato: esempi di ordinamenti esteri, 18/01/19.

Gli incontri avranno luogo in sedi emblematiche per il loro collegamento con l’arte e note  per la loro straordinaria bellezza e  importanza storico – artistica tra cui: Scuola Grande di San Rocco, Museo Palazzo Fortuny, Fondazione La Biennale di Venezia, Palazzo Ducale e Ateneo Veneto.

I componenti del comitato scientifico ed organizzatore del progetto sono gli avvocati Patrizia Chiampan – Presidente della Camera Arbitrale di Venezia – Lavinia Savini, Fabio Moretti e il dott. Roberto Spada.

Approfondimenti sul sito della Camera Arbitrale di Venezia www.cameraarbitralevenezia.it

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, progetti, Uncategorized

Investimenti in Francia – l’attività di Business France

Nuova immagine

Lascia un commento

12 maggio 2016 · 09:40

I vantaggi giuridico-fiscali dell’investimento in arte

Abstract dell’intervento dell’avv. Lavinia Savini nell’ambito dell’incontro “Investire in arte:passione o opportunità? Vantaggi giuridico-fiscali”, organizzato da UniCredit Private Banking in collaborazione con lo Studio Legale IDEAlex e tenutosi a Bologna presso la sede dell’UniCredit (Sala del Gigante) il 24 febbraio 2016.

fiera

L’investimento in arte reca con sé il beneficio di assicurare all’investitore-collezionista il godimento di un plusvalore “estetico”, potenzialmente unico e perpetuo, sconosciuto a qualunque altra forma di investimento alternativa.
Ciò nondimeno, un approccio razionale all’acquisto di opere d’arte suggerisce di ponderarne attentamente anche gli aspetti economici e giuridici. Diffusa, infatti, è la percezione che l’investimento in arte sia intrinsecamente rischioso anche a causa dell’apparente deregolamentazione del mercato di riferimento.
Al contrario, questa forma di investimento si qualifica per molteplici vantaggi di carattere giuridico – fiscale. L’intento odierno è di illustrarli sinteticamente insieme ad alcuni fondamentali accorgimenti di natura legale da adottare.
Con l’avvertenza che, per la massimizzazione di tali benefici, è consigliabile avvalersi di consulenti specializzati tanto in ambito giuridico quanto in ambito finanziario e artistico.

I vantaggi:

  • la dibattuta questione della mancata tassazione del capital gain generato in sede di rivendita di opere d’arte da parte di privati;
  • la certezza delle transazioni commerciali aventi ad oggetto opere d’arte, focus sull’applicabilità nell’ordinamento italiano della regola del “possesso vale titolo” ex 1153 c.c. e le differenze con gli altri paesi;
  • ulteriori vantaggi connessi alla natura di bene mobile non registrato propria delle opere d’arte;
  • in caso di investimento in opere d’arte aventi meno di 50 anni e/o di autori viventi: la non necessarietà dell’autorizzazione all’esportazione e la maggiore sicurezza dell’investimento data dal minore rischio di acquisto di opere false.

Gli adempimenti giuridici necessari per la tutela e la valorizzazione dell’investimento in arte:

  • l’importanza di effettuare una Due Diligence, in sede di acquisto di opera d’arte, sulla sua provenienza liceità e autenticità dell’opera;
  • l’importanza di munirsi di un valido titolo giuridico in sede di acquisto e/o vendita di opera d’arte;
  • l’importanza del certificato di autenticità o della dichiarazione di provenienza dell’ opera d’arte sulla quale si intende investire;
  • l’archiviazione e la catalogazione delle opere d’arte possedute, per la valorizzazione della propria collezione.

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, progetti

In occasione della BOLOGNA DESIGN WEEK 2015

Lascia un commento

Archiviato in Fiere, Mostre, Partnerships, Seminari

Convegno Nazionale UNGDCEC – Valore alla Cultura. La professione tra arte, business, creatività, start-up

congressoL’avv. Lavinia Savini – partner dello Studio Legale IDEAlex – che da anni si occupa delle tematiche inerenti al mondo dell’arte, interverrà al Convegno Nazionale Unione Giovani Dottori Commercialisti e Contabili, sul tema Valore alla Cultura. La professione tra arte, business, creatività, start-up, che si terrà a Mantova dal 1 al 3 ottobre 2015.
Per ulteriori informazioni sul programma:
http://www.convegno.mantova.ugdcec.it/content.aspx?content=programma

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, Seminari

Hanato Chiruran nelle Hit Charts di Tower Records

Il nuovo album di Hanato Chiruran, intitolato “SxM=”, è stato il numero 4 della Indie Hit Chart di Tower Records Shibuya e il numero 9 nella lista di tutte le hit charts di Tower Records Shibuya!

photo1 photo2

 

Lascia un commento

Archiviato in Eventi musicali, Partnerships, progetti

IDEALex YouTube Channel

Siamo lieti di informarVi che è nato il Canale Youtube dello Studio IDEALex. Visitatelo all’indirizzo youtube.com/user/idealexlaw per seguire eventi, convegni, talks e tutte le altre attività promosse da IDEALex.

We proudly inform you that the IDEALex YouTube Channel is now online. Visit it at youtube.com/user/idealexlaw and follow events, conferences, talks and all the activity promoted by IDEALex.

Idealex Channel

Idealex Channel

 

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, progetti

22.5.2014 – Museo MADRE Napoli – Lavinia Savini parteciperà alla presentazione e inaugurazione della mostra Do ut Do Design a favore della Fondazione Hospice Seragnoli

do out do - Napoli

Lascia un commento

21 maggio 2014 · 16:57

Giappone e Italia a confronto nel fenomeno della pirateria online

Campagna pubblicitaria ufficiale contro la pirateria in Giappone - "NO MORE Eiga Dorobo” (BASTA Rubare)

Campagna pubblicitaria ufficiale contro la pirateria in Giappone – “NO MORE Eiga Dorobo” (BASTA Rubare)

Dal 1° ottobre 2012 con la revisione della Legge Generale sui Diritti d’Autore (“Chosakuken Ho”, Legge n. 48 del 1970), il Giappone è diventato uno dei paesi in cui le regole antipirateria sono tra le più severe del mondo.

Le risposte del Governo Giapponese alla scalata di downloads illegali hanno seguito la strada di altri Stati Europei – dove all’utente che scarica illegalmente può essere tolta la connessione ad internet –, ma prevedono sanzioni ancora più dure.

La normativa introdotta nel 2012 prevede sanzioni massime pari a 10 milioni di yen (circa €80.000) e fino a dieci anni di reclusione per chi carica in rete senza autorizzazione qualsiasi contenuto protetto da diritto d’autore e fino a due anni di reclusione e multa pari a 2 milioni di yen (circa €20.000) per chi scarica materiale illegale.

Già prima dell’emanazione della Legge comunque l’industria fonografica nipponica aveva svolto una forte campagna di lobbying contro i downloads illegali, anche considerato che il Giappone è il secondo mercato più grande del mondo dopo gli Stati Uniti per il consumo di musica.

Secondo dati di uno studio realizzato, in Giappone si scaricano illegalmente circa 4,36 miliardi di opere audiovisive e 440 milioni legalmente, pertanto il rapporto è circa di 10:1, quando invece in Italia, paese che presenta uno dei tassi di pirateria online più alti del mondo, uno studio recente dimostra che, su 100 indirizzi IP italiani attivi, 77 hanno scaricato musica illegalmente (soltanto tramite BitTorrent).

Le ragioni di questa differenza numerica? Non sono solo certo le aspre sanzioni a comportare un maggiore rispetto della legge; alla base c’è invero una forte diversità culturale e un naturale e spontaneo adeguamento alle regole e alla normativa da parte del Giappone.

 

Consolidamento della partnership fra gli Studi Legali specializzati in proprietà intellettuale IdeaLex di Bologna e Info Tech Law Offices di Tokyo.

 

L'avv. Sveva Antonini a Tokyo per incontrare gli affiliati dello Studio Legale Info Tech Law Offices di Tokyo e consolidare la partnership nata nel 2013

L’avv. Sveva Antonini a Tokyo per incontrare gli affiliati dello Studio Legale Info Tech Law Offices di Tokyo e consolidare la partnership nata nel 2013

Lascia un commento

Archiviato in Partnerships, Pubblicazioni