Archivi tag: web. diritto d’autore

17.06.2013 – Milano – Idealex alla Fiera delle start Up –

Immagine

Si è tenuta il 17.06.2013 presso la sede del Sole 24 ore in via Monte Rosa a Milano la seconda edizione della Fiera delle Start Up.

Ogni start up ha avuto a disposizione uno spazio per esprimere la propria creatività e da attirare l’attenzione degli investitori. Si è creata una sinergia fra le varie realtà che offrono servizi utili per coloro che puntano a creare una propria impresa, come ad esempio acceleratori ed incubatori ma anche i principali fondi di Venture Capital e Associazioni di Business Angels.

Fra le idee più innovative ed interessanti segnaliamo in particolare:

 I doctorpad, app per gestire attività mediche e cartelle cliniche su tablet;

Skillbros Un social-commerce attraverso il quale promuovere, prenotare e acquistare lezioni off-line ed eventi formativi nonchè  lezioni on-line in streaming live;

Dress-on è la prima piattaforma di e-commerce nata per dare visibilità alle boutique italiane e ai nuovi designer nel mondo, offrendo ai visitatori la garanzia della selezione e dell’eccellenza proprie del Made in Italy;

Albo nasce per combattere la contraffazione del made in Italy e per arginare l’Italian Sounding. Tramite un’applicazione per smartphone i consumatori di tutto il mondo potranno cercare attività commerciali e prodotti italiani intorno a loro;

TrafficO2 è un progetto di innovazione sociale per la mobilità urbana delle comunità. L’obiettivo è ridurre il traffico e l’inquinamento delle città.

In questi anni di attività Idealex ha avuto il piacere di seguire alcuni progetti “start up”, come ad esempio Pizzabo, di Christian Sarcuni, ventiquattrenne di Matera che vive e lavora a Bologna. Laureatosi nel 2008 in Scienze di Internet, subito dopo ha brevettato e realizzato, assieme ad altri cinque collaboratori, PizzaBo: «Tutte le pizzerie ricevono un dispositivo speciale appositamente creato per consentire le ordinazioni on line. Dall’inizio del 2010 circa 10.000 utenti hanno usato il servizio, che attualmente coinvolge 51 pizzerie della città di Bologna». O come youtool che mette in relazione aziende e designer attraverso il metodo dei workshop on-line per sviluppare idee di qualità, riducendo tempi e costi di realizzazione. Offre alle aziende progetti di design innovativi e servizi di ideazione, produzione, comunicazione e vendita.

Idealex offre un pacchetto di servizi specifico per le start up, attraverso la consulenza di un network di professionisti specializzati nel settore giuridico-fiscale e del marketing strategico, oltre a mettere in contatto le start up con fondi/investitori che vogliano investire in tali progetti.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in progetti

Mondo Web & diritto d’autore

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il 24 Novembre si è svolto a Bologna il Workshop sul « Mondo Web & diritto d’autore », organizzato da Idealex presso l’associazione Menomale. Una giornata intensiva : dieci ore di interventi e discussioni su numerosi e importanti argomenti: tutela nel web, uso di immagini, video o musica, responsabilità civile e penale nel web e strategie di marketing attraverso youtube !

Alle 10 i partecipanti vengono accolti nella sala molto caratteristica dell’associazione Menomale, via de Pepoli a Bologna. Per Lavinia Savini, incontrarsi in un luogo accogliente e informale rispetta l’intento di organizzare un incontro piuttosto che un seminario. I partecipanti si presentono e espongono i propri dubbi in merito all’argomento del seminario: « Come gestire foto, musica sul web : chi è responsabile ? Gli artisti o il festival ? Si può proteggere le proprie idee su internet? Come fare a tutelare un marchio ? »

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lavinia Savini presenta lo studio legale di Idealex, fondato da lei, dall’avv.  Sveva Antonini e dall’avv. Alessandro Valenti, e introduce il workshop spiegando innanzitutto il significato di termini giuridici ricorrenti :
« Per prima cosa vorrei precisare che parlando di « proprietà intelletuale » si comprende sia il diritto d’autore che il diritto industriale. È un errore dire che il web ha una regolamentazione diversa, o che non si riesce a disciplinare… Non è così : la normativa è sempre la stessa. ».
In seguito Lavinia Savini affronta la problematica relativa alla tutela della creazione : « La creazione funziona perché le idee girano liberamente intorno a noi : se così non fosse, l’intero sistema si bloccherebbe! Per questo è necessario attuare un’efficace tutela della creatività : questa però è possibile soltanto concretizzando le idee in veri e propri progetti, realizzando per esempio una puntata pilota per un format tv. »

Nel pomerigio interviene il Dr. Nicola Bellotti, rappresentante della società « Black Lemon », operante nei settori della comunicazione strategica e pubblicitaria. Introduce il suo discorso ricordando ai partecipanti che con l’avvenimento della crisi economica, il rapporto della gente con la pubblicità è cambiato : infatti la pubblicità è diventata sinonimo di invadenza, e non ha più l’efficacia di una volta. Nicola Bellotti presenta il concetto di « Inboud marketing » : « L’ obiettivo è fare in modo che sia l’utente a cercare l’azienda, non il contrario. Invece di assillare le persone con annunci televisivi, si possono creare video che potenziali clienti desiderino vedere o addirittura condividere con gli amici. » Per Nicola Bellotti infatti, bisogna offrire un momento di crescita, dare un’informazione in più, dare un consiglio…

Sveva Antonini conclude il pomeriggio affrontando il tema sempre più attuale relativo all’uso di Youtube : quali video si possono caricare ? Quali sono gli aspetti giuridici ? L’avvocato afferma innanzitutto che la maggior parte dei contenuti sono illegali, principalmente per la violazione dei diritti d’autore e di immagine. Infatti per quanto riguarda un video musicale, per esempio, è necessario che vi siano le autorizzazioni di tutti gli aventi diritto: autori e editori dei brani oggetto del video, produttori fonografici e artisti interpreti esecutori, nonché del produttore del video, se persona diversa dal produttore fonografico.  L’utente è  responsabile dei video caricati, come da contratto che l’utente stipula nel momento in cui apre un account su Youtube. L’avv. Antonini ha inoltre ricordato e illustrato l’accordo intercorso fra la Siae e la piattaforma Youtube per la corresponsione del diritto di comunicazione al pubblico delle opere  agli aventi diritto associati alla società di gestione collettiva italiana, nonché le ultime sentenze che hanno previsto la responsabilità dei provider per i contenuti illeciti immessi nella rete dagli utenti, nonché la relativa normativa italiana di cui al Dlgs.

 

Lascia un commento

Archiviato in Seminari